La città di Rab come centro culturale e storico dell'isola ha una lunga storia. Il su nome appare su un vecchio documento romano già nel I secolo a. C. con il quale l'imperatore romano Augusto Ottaviano la proclama il municipio e le dà l’indipendenza. La città guadagna anche il titolo di Felix (Felice), il che significa che già in quel tempo era una città sviluppata e civilizzata. La parte antica della città è circondata dalle mura medievali in pietra costruite nei secoli XII e XIII, che tuttora la circondano in gran parte. La città vecchia è dominata da un quartetto dei campanili e da numerose chiese. Uno dei monumenti più importanti di Rab è la chiesa di Santa Maria del XII secolo (in passato questa era la cattedrale della diocesi di Rab).

Il campanile di questa basilica è distante da essa e domina la città. È uno dei più begli esempi di architettura tardo-romanica in Croazia.

(ORIGINE:CROATIA.HR)

L'isola di Rab vanta una lunga storia e i siti archeologici vicino a Lopar testimoniano che è abitata già dai tempi dei Greci, ma il primo popolo che ci ha lasciato le tracce scritte sono stati i Liburni.  L'isola viene denominata Arba, Arbia, Arbiana o Arbitana che significherebbe, in traduzione italiana, "boscoso" e descive perfettamente l'isola.
Il nome "Rab" deriva dalla versione croata del nome. I governi che si sono susseguiti si questi territori-Repubblica di Venezia, l'Impero Austro-Ungriaco l'Italia e la Germania-hanno lasciato moltissime tracce della sua presenza e hanno influenzato molto la cutura e lo stile di vita dell'isola. Gli abitanti di Rab vi raccconteranno volontieri moltissime leggende dell'isola tra le quali la più consciuta è quella di Marin il monaco tagliapietre, il fondatore della Repubblica di San Marino.

(ORIGINE:RAB24.COM)

San Damiano-Uno stretto sentiero vi porterà in cima ad una formazione rocciosa, sopra la località di Barbat, che porta il nome la fortezza di San Damiano e serviva per la difesa dell'isola.

Chiesa parocchiale di San Maria Grande-Costruita nel XII secolo, la chiesa è una dei monumenti storici più imortanti dell'isola. Mentre l'interiore della chiesa è molto semplice, sulla sua facciata sono presenti i più belli ornamenti dell'Adriatico.

Chiesa di San Antonio-La chiesa conserva un altare gotico e due bellissimi altari barocchi, dei lapidari e un prezioso crociffiso dal Xv secolo. All'interiore della chiesa troverete una rappresentazione artistica dell'isola di Rab dal XVI secolo.

Chiesa di San Giustiniano -La chiesa è stata costruita nel XVI secolo al posto dell'antica chiesa e monastero di San Tommaso. Oggidì nella chiesa si trova il museo dell'arte sacrale che comprende collezioni preziose della cattedrale.

Chiesa di San Andrea-La chiesa è stata costruita insieme al monastero delle suore Benedittine. La chiesa è di stile romanico con un bellissimo altare barocco e il campanile è il più vecchio di Rab (dal 1181).

Il monastero francescano e la chiesa di Santa Eufemia-A Kampor, in una piccola baia, si trovano il monastero francescano e la chiesetta di Santa Eufemia costruita da due chiesette, la chiesetta di Santa Eufemia del XIII secolo e la chiesetta di San Bernardino del XVII e XVIII secolo.

(ORIGINE:RAB24.COM)

  • Rab, Croazia - Storia e patrimonio - Foto 1
  • Rab, Croazia - Storia e patrimonio - Foto 2